Verbale dell’Assemblea Ordinaria del 6 febbraio 2020 dell’Associazione “Visioneroma”

Verbale dell’Assemblea Ordinaria

del 6 febbraio 2020

dell’Associazione “Visioneroma”

Il giorno 6 febbraio 2020 si è tenuta l’Assemblea Ordinaria dell’Associazione “Visione-roma”, il Presidente Gabriele Gandelli constatata la presenza della maggioranza dei soci chiede a Michelangelo Guzzardi, che accetta, di fare da segretario e dà inizio all’Assemblea alle ore 18,00.
Vengono raccolte le presenze che sono allegate al presente verbale

Il Presidente introduce il primo punto all’ordine del giorno:

“Inserimento come soci fondatori di tutti i promotori del sito di Visioneroma che accettino l’iscrizione anche tramite e-mail”

Il Presidente comunica che tutti i promotori del sito Visioneroma faranno parte come soci fondatori dell’Associazione “Visioneroma”, ovviamente previa accettazione. Hanno accettato di essere soci fondatori Stefano Cademartori, Piero Sandulli, Giorgio Tamburini, Gianfranco Piccioni, Michele Campisi, che hanno provveduto a versare la quota associativa . A tutti gli altri promotori verrà inviata una email per l’accettazione in qualità di Socio Fondatore dell’Associazione.

Si passa al secondo punto dell’ordine del giorno:

“Registrazione dell’Associazione presso l’Agenzia delle Entrate”

L’Assemblea delibera all’unanimità di registrare l’Associazione presso l’Agenzia delle Entrate, necessaria ad ottenere eventuali agevolazioni fiscali e per procedere eventualmente alla registrazione al Terzo Settore.

Il Presidente anticipa il punto cinque:

“Definizione delle quote anche straordinarie per l’anno 2020”

Viene fatto presente all’Assemblea che la registrazione all’Agenzia delle Entrate ha un costo di circa 400 euro, tra bolli e versamento per la registrazione, quindi si è deciso di stabilire una quota per l’anno 2020, di € 20,00, anche per far fronte alla registrazione al Terzo Settore e alle prime spese dell’Associazione. Nei successivi anni la quota, se necessaria, verrà stabilita a secondo le esigenze economiche. Il Presidente fa presente di aver provveduto a dotare l’Associazione di una carta prepagata. Provvisoriamente, onde evitare un conto corrente bancario e velocizzare le operazioni l’ha appoggiata sul proprio conto corrente, e per questo motivo chiede che il socio Piero Sandulli, con fun-zione di Revisore dei Conti, controlli l’operato su detta carta prepagata. Su input di alcuni soci il Presidente provvederà a contattare Banca Etica o altro Istituto di credito in cui si possa aprire un conto corrente ed una carta prepagata a zero costi. Nel frattempo provvisoriamente si utilizzerà la carta prepagata a nome Gandelli con il controllo del socio Sandulli.

Si passa al terzo punto dell’ordine del giorno:

“Formalizzazione del Consiglio Direttivo”

Il Presidente come già preannunciato nella prima riunione informale che si è tenuta presso la Locanda Cairoli comunica che il Consiglio Direttivo sarà formato, oltre che dal Presidente, dai responsabili delle Aree Tematiche di “Visioneroma”e dal coordinatore delle attività.

  • Gabriele Gandelli * Periferie e Territorio e coordinatore progetto
  • Piero Sandulli * Assetti Istituzionali e Strutture Amministrative
  • Alberto Panfilo * Aziende Comunali, Patrimonio, e Servizi
  • Luciano Chesini * Cultura
  • Gianluca Santilli * Economia sostenibile e Mobilità
  • Elena Battaglini * Nuove politiche economiche
  • Renato Guidi * Politiche Attuative e Procedure
  • Michelangelo Guzzardi * Sociale
  • Giuseppe Di Noto * Strutture giudiziarie e Sicurezza
  • Giorgio Tamburini * Urbanistica
  • Raffaele Minelli * Le alleanze politiche a Roma
  • Bruno Bianchi * Realizzazione idee e  progetti

Claudio Minelli * Coordinamento generale delle attività di visioneroma

 

A questi nomi si potranno aggiungere a richiesta e di chi voglia fattivamente operare altri 3 nomi, per raggiungere il numero di 17 previsto dallo Statuto.

L’Assemblea decide di nominare un Esecutivo per tutte le fasi organizzative e di ordinaria ammini-strazione di 3/5 membri, onde rendere più snella la funzionalità dell’Associazione.
Il Presidente raccoglierà le disponibilità dei soci e la composizione dell’Esecutivo verrà comunicata sul sito e successivamente ratificata dal Consiglio Direttivo.

Si passa al quarto punto dell’ordine del giorno:

“Definizione del programma delle attività per l’anno 2020”

Sintesi degli interventi:

Da tutti i presenti, consci delle complessità dovute all’estensione del territorio comunale e dalla poca densità abitativa, viene evidenziata la necessità di un cambio di passo in tutte le politiche della città, sia nel campo della mobilità, dell’urbanistica, della cultura, della struttura organizzativa ed ammini-strativa, del decoro urbano, dei rifiuti. C’è da parte di tutti una palese preoccupazione perché non si riesce a far fronte in modo adeguato alle emergenze in particolari quelle marginali, che dovrebbero competere agli uffici, a dimostrazione di un apparato amministrativo che non prende iniziative e non si assume responsabilità, su questo specifico argomento è intervenuto Piccioni sulla base delle sue esperienze lavorative. L’Assemblea ha poi convenuto sulla necessità come proposto da Guidi che le varie aree tematiche si raccordino tra di esse, e si ritiene necessario organizzare una prima riunione tra i vari settori onde individuare uno o più campi di intervento comuni. Guidi propone di condividere lo studio fatto con altri professionisti sulle criticità della città e le soluzioni individuate.
I vari interventi si soffermano su vari aspetti negativi, e i modi per risolverli, in particolare, come sottolinea Campisi il degrado, nello specifico del Centro Storico, con annesso stravolgimento di al-cuni aspetti propri della città e l’abbandono di alcuni luoghi, ad esempio villa Silvestri Rivaldi e l’incuria che regna intorno al Colosseo. Argomento ripreso da Meogrossi, che sottolinea che ormai la Capitale sta perdendo la sua identità e che lo sviluppo della città è ormai fermo da moltissimi an-ni, serve una nuova visione “glocal world” per dare a Roma una nuova dimensione e una nuova cre-scita, guardando alle nuove generazioni. Panfilo sottolinea la necessità di inquadrare le finalità di “Visioneroma”, trovare gli argomenti su cui agire; anche su questo aspetto trova concorde l’Assemblea e va nella direzione indicata da Guidi.
L’Assemblea è d’accordo con Sandulli che bisogna dotare Roma di poteri speciali come hanno ad esempio Parigi e Londra e finalmente dando alle municipalità responsabilità specifiche e fornendole di risorse economiche, quello che avviene di fatto in altre capitali europee, anche perché ogni muni-cipio ha le sue specificità e proprie problematiche. Carlo Gandelli sottolinea la scioltezza della gestione di Milano rispetto a Roma (seppur facilitata dalla dimensione del comune) pensa che la soluzione sia di affidare a delle Agenzie con ampi poteri alcune specifiche situazioni da risolvere, bypassando la burocrazia che affonda la città.
Tamburini si sofferma sul progetto per lo sviluppo urbanistico della città dell’ex assessore Caudo, di dividere Roma in 16 quadranti, affidati ognuno ad una Università, argomento su cui si può lavorare e chiede a Minelli di prendere contatto con lo stesso anche in merito allo sviluppo sostenibile. Inoltre invita a cogliere l’occasione della legge regionale sulla rigenerazione urbana e la necessità di trovare strumenti straordinari per snellire i problemi urbanistici.
Il dibattito ha illustrato le varie criticità e le varie esigenze della città e la necessità di trovare soluzioni innovative per affrontarle e risolverle. Si concorda nell’urgenza di inquadrare le problematiche che l’Associazione dovrà affrontare e su cui fare proposte che dovranno poi essere ampiamente con-divise con le istituzioni romane e con i cittadini.
Risulta evidente a tutti i partecipanti che al di là delle soluzioni è indispensabile avere un Sindaco e una Giunta capace e di livello, che sappia soprattutto trovare moderne soluzioni e riesca a far fun-zionare, anche innovandola, la macchina amministrativa.

Il Presidente Gandelli proporrà per i primi di marzo una riunione delle varie aree tematiche per definire un programma, riunione aperta anche ad altri soci che diano la propria disponibilità a collaborare. Le competenze della nostra Associazione ci permetteranno di individuare in breve tempo argo-menti e soluzioni.

Sull’argomento dei Forum si è soffermato Claudio Minelli, il Forum è strumento per affrontare varie tematiche che impattano sullo sviluppo della città. Il primo è già avvenuto sull’Urbanistica, già visibile sul sito; se ne produrranno altri tre, il prossimo sull’Economia (nella sua visione complessiva) di Roma, a seguire la Tutela della bellezza della città e per ultimo sugli Aspetti Istituzionali. Tutti argomenti che potranno fornire importanti indicazioni per il programma dell’Associazione. Terminati i Forum sarà organizzato un convegno in collaborazione con la Fondazione Roma presieduta dal Prof. Emanuele Emmanuele. L’iniziativa dei Forum consente di aggregare personaggi rile-vanti di tutti i settori. Tutte queste iniziative, comprese le future proposte dell’Associazione, vanno inquadrate in vista delle prossime elezioni amministrative di Roma. Si prevedono futuri incontri con partiti e associazioni di categorie e sindacati.

Alle ore 20,00 non avendo più nulla da discutere il Presidente scioglie l’Assemblea.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento