Roma: una crisi spiegabile e un insegnamento per il futuro – Raffaele Minelli

Roma: una crisi spiegabile e un insegnamento per il futuro

 

 

La crisi economica che caratterizza l’economia europea da vari anni e che nel nostro paese trova elementi strutturali che l’aggravano nei confronti dei principali partner della Unione Europea, trova nella Capitale, in aggiunta, l’operato delle ultime due giunte incapaci di efficaci risposte.

Da qui la perdita di posizioni rispetto a Milano. A tale sconfortante quadro va infine aggiunta la drammatica situazione creata dal coronavirus: un colpo durissimo a settori fondamentali dell’economia romana.

Da tutto ciò scaturisce una realtà sociale che vede nascere a dismisura le differenze con una caduta verso il basso di ampi settori di ceto medio terziario.

Soffrono gli anziani

Soffrono gli anziani che ormai costituiscono una quota crescente di cittadini e sempre più caratterizzati da unità mononucleali,

ma soffrono anche i giovani

ma soffrono anche i giovani che trovano sempre meno sbocchi occupazionali.

Allora diviene sempre più urgente, a fianco ovviamente di nuove politiche favorevoli alla ripresa e allo sviluppo economico sociale (ciò che affrontiamo con le altre e tematiche ) interventi in campo sociale.

interventi in campo sociale.

Sostegno alle famiglie attraverso asili nido gratuiti, case per anziani gestite dal pubblico e non lasciate in mano a privati spesso senza scrupoli, come documentato dalla cronaca; rafforzamento del ruolo del terzo settore nei confronti dei più deboli; un ruolo dell’ente locale verso le strutture scolastiche di educazione pluridisciplinare contro la droga.
Una realtà quest’ultima che vede la crescita tumultuosa dell’uso in classi di età sempre più giovani.
Una situazione che essendo legata per il rifornimento alla grande criminalità e poi alla piccola criminalità, vede crescere i problemi di sicurezza in molte zone anche periferiche più lontane.

Infine l’esperienza del coronavirus impone anche una rilettura in campo sanitario non solo per riaffermare il ruolo del pubblico ma in questo per rilanciare un disegno realmente innovatore del territorio che deve diventare efficace argine della ospedalizzazione.

Un campo ed una situazione che impone una piena collaborazione tra Regione e Comune abbandonando ogni competizione politica strumentale.

Interventi questi che dovrebbero costituire l’agenda prioritaria di ogni buona amministrazione!

Raffaele Minelli

Potrebbero interessarti anche...

Una risposta

  1. pirò federico pirò federico ha detto:

    PENSO ai tanti “Rottamatori” che si sono succeduti e a coloro che li hanno sostenuti, ora da bravi ipocriti rimpiangono la dipartita dei cosiddetti VECCHI causa Virus! ?‍♂️ Roberto Andreozzi

Lascia un commento