Una quarta Roma? – Forum di Visioneroma

Conversazione su possibili nuovi assetti istituzionali di Roma Capitale
a cura di Claudio Minelli di Visioneroma
 con

Dr.ssa Linda Lanzillotta, On. Roberto Morassut, Dott. Chicco Testa,

Prof. Avv. Piero Sandulli, Ing. Gianni Verga

Videoregistrazione

 

 

 

____________________________________

Anno 1871

Quintino Sella, ministro delle finanze,  riprende, rilancia e cerca di concretizzare l’idea risorgimentale di una

“terza Roma”

dopo quella dei cesari e quella dei papi, un progetto “cosmopolitico per Roma: quello della scienza”, così scrive a Mommsen nel 1871. Questo progetto si articola in diverse tappe: il rinnovamento del corpo accademico dell’Università di Roma, il rilancio dell’Accademia dei Lincei, la costruzione di un museo della scienza e la costruzione della biblioteca nazionale.

Anno 2020

Dopo il Coronavirus possiamo pensare ad una

“quarta Roma”?

____________________________________

 

 

____________________________________

 

Dr.ssa  Linda Lanzillotta

Presidente Glocus, think tank di cui è fondatrice,  Membro dell’Executive Board di Women Political Leaders Global Forum,  Membro del Board della Fondazione RomaEuropa Festival,  Membro del Conseil d’Orientation dell’Institut pour les Relations Économiques France – Italie (IREFI) con sede a Parigi.

Vice Presidente del Senato della Repubblica fino a Marzo del 2018 . Dal 2013 al 2018: Senatrice del Gruppo del Partito Democratico Dal 2006 al 2013: Membro della Camera dei Deputati eletta nelle liste del PD.

Dal 2006 al 2009; Ministro per gli Affari regionali e le Autonomie locali nel Governo Prodi.

Dal 2001 al 2005: Docente di Programmazione e Controllo delle Pubbliche Amministrazioni presso la Facoltà di Scienze Politiche dell’Università di Roma Tre e presso la Scuola di Specializzazione in Studi sull’Amministrazione pubblica della facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Bologna.

Assessore alla programmazione finanziaria del comune di Roma nella giunta Rutelli.

 

On Roberto Morassut

laurea in Lettere con indirizzo di Storia contemporanea, nel 2001 Assessore all’Urbanistica e a Roma Capitale.

Nel 2005 Commissario Governativo per  riqualificazione dell’ambito urbano e nel 2016 membro effettivo dell’Istituto Nazionale di Urbanistica (INU).

Nel 2008 è eletto deputato riconfermato nel 2013 e membro dell’VIII Commissione (Ambiente, Territorio e Lavori Pubblici) , 2014 nominato nella delegazione del Parlamento italiano Assemblea Parlamentare NATO (Commissione Scienza e Tecnologia)

Eletto Vice Presidente della Commissione Parlamentare di inchiesta sul degrado delle periferie italiane. Nel 2018 viene rieletto Deputato.

2019 Sottosegretario di Stato per l’Ambiente e la tutela del territorio e del mare

Membro dell’Assemblea Nazionale e della Direzione Nazionale del Partito Democratico

Prof. Avv. Piero Sandulli

Nato a Roma il 10 marzo 1954, laureato, con lode, in Giurisprudenza nel 1977, presso l’Università di Roma “La Sapienza”. Titolare della Cattedra di Diritto Processuale Civile e Sportivo nell’Università di Roma “Foro Italico”.

Professore invitato di Diritto Processuale Civile presso la Facoltà di Diritto Civile della Pontificia Università Lateranense, nello Stato Vaticano. Docente di Diritto Processuale Civile presso la Scuola delle Professioni legali dell’Università di Roma “La Sapienza” e di Teramo.

Docente di diritto processuale civile presso la Scuola forense Vittorio Emanuele Orlando dell’Ordine degli Avvocati di Roma.  Responsabile del settore della Giustizia Sportiva, nel Master di Diritto Sportivo dell’Università “La Sapienza” di Roma, di cui è stato promotore.

Responsabile del settore Processo del Lavoro nel Master di Diritto del Lavoro e Previdenza Sociale dell’Università “La Sapienza” di Roma. Avvocato abilitato alla difesa innanzi alle giurisdizioni superiori.

Componente del Nucleo strategico di Valutazione dei dirigenti dell’Agenzia di diritto allo studio universitario della Regione Lazio. Componente del Consiglio giudiziario presso la Corte d’Appello di l’Aquila (2012-2016).

Presidente della Corte Sportiva d’Appello della Federcalcio, è giudice sportivo della F.I.G.C. dal 1996. E’ Presidente del Collegio di garanzia della Federnuoto. Assessore alle Politiche Giuridiche e demografiche del Comune di Roma (1993-1997).

Presidente del Nucleo di valutazione della Provincia di Roma (2003-2013). Componente delle Commissioni di riforma legislativa presso il Ministero della Funzione Pubblica ed il Ministero di Giustizia. Componente del Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Roma (2001-2004). Presidente di una sezione della censura cinematografica presso il Ministero dei Beni Culturali (2007-2009).

Autore di molteplici pubblicazioni (193), tra cui 7 monografie

 

Ing. GIOVANNI VERGA

è nato a Milano dove risiede e, dopo aver conseguito la Maturità Classica, si è laureato in Ingegneria Civile Edile Ergotecnica nel 1972 presso il Politecnico.

Ha svolto consulenze anche per grandi progetti come l’Ortomercato di Milano e per la valutazione di impatto territoriale-ambientale della centrale termoelettrica AEM di Cassano d’Adda.

Consigliere Comunale di Bollate (MI) dal 1975 al 1980 e Vice-Presidente del Comprensorio Milanese dal 1977 al 1980. Dal 1980 al 1995 Consigliere della Regione Lombardia. Dal 1985 al 1989 Assessore ai Lavori Pubblici e all’Edilizia Residenziale Pubblica e Sociale della Regione Lombardia e, in quanto tale, componente dell’Esecutivo del Comitato per l’Edilizia Residenziale (CER) del Ministero dei Lavori Pubblici. Nel 1986 ha progettato la “Legge Verga” della Regione Lombardia che ha determinato la svolta verso l’urbanistica per progetti in tutta Italia.

Dal 1990 al 1991 Assessore all’Urbanistica e al Coordinamento Territoriale della Regione Lombardia ; ha, tra l’altro, studiato i primi percorsi possibili dell’Autostrada Pedemontana. Dal luglio 1999 al giugno 2001 Assessore alla Cultura e ai Beni Culturali della Provincia di Milano ha promosso e sviluppato la ricerca “Milano Specchio d’Europa” e le inerenti mostre e pubblicazioni. Dal giugno 2001 al giugno 2006 Assessore allo Sviluppo del Territorio – Urbanistica ed Edilizia Privata del Comune di Milano (Giunta Albertini) ha dato il via alla trasformazione di 10 milioni di mq. di aree dismesse dove oggi sorgono, tra gli altri, i nuovi quartieri di Porta Nuova, City Life, Maciachini Center, Santa Giulia, Portello, Cascina Merlata ecc.

Dal giugno 2006 al maggio 2011 Assessore alla Casa (Pubblica, Sociale e Protetta), al Demanio e Patrimonio del Comune di Milano Giunta Moratti). Ha promosso i Fondi Immobiliari Milano 1 e Milano 2 conseguendo importanti risultati per l’Amministrazione Comunale di Milano. A seguito di questa esperienza ha divulgato strategia, contenuti e procedure in molte realtà del Paese anche tramite la collaborazione con ANCI – Fondazione Patrimonio Comune ed intrattenendo rapporti con i Ministeri Competenti, con molte Regioni, Province e Comuni, con Agenzia del Demanio, Agenzia del Territorio, Cassa Depositi e Prestiti, INVIMIT e i più importanti soggetti del mondo immobiliare.

Ha coordinato il tavolo di lavoro di ASSOIMMOBILIARE per la nuova legge urbanistica nazionale. Ha collaborato e collabora con NOMISMA a ricerche inerenti il territorio, l’efficientamento energetico del patrimonio immobiliare e i temi dell’affitto e dell’uso temporaneo delle residenze. Svolge collaborazione sui temi della riconversione del patrimonio di edilizia industriale dismessa anche in situazioni fallimentari come nel caso della ex Be.Ba di Paderno Dugnano (MI).

Fa parte di alcuni comitati consultivi di Fondi Immobiliari di DeA Capital. Fa parte della Commissione mobilità dell’Automobil Club di Milano Fa parte del CODE (Comitato per la revisione del Piano Territoriale della Regione Lombardia) Nel giugno 2018 è stato rieletto ed è tuttora Presidente del Collegio degli Ingegneri e Architetti diMilano (di cui è già stato Presidente anche dal 1997 al 1999)  Ha pubblicato libri e saggi sui temi della Città e del Territorio.

 

Dott. Chicco TESTA

Nato a Bergamo, classe 1952, laureato in Filosofia, Chicco Testa è attualmente

  • Board Director di Telit Communications,
  • Presidente di Sorgenia,
  • Presidente di E.VA. Energie Valsabbia
  • Vice-Presidente del Cda di Idea Capital Fund SGR Spa.
  • Presidente di FISE Assoambiente associazione imprese Servizi Ambientali.

Testa è stato per quattro anni (2012-2016) Presidente di Assoelettrica, nonché membro dell’Expert Advisory Committee all’interno dello European Carbon Fund.

In precedenza ha ricoperto ruoli di vertice in aziende come

Enel spa , Acea spa  e di CISPEL (Confederazione Italiana Servizi Pubblici Locali).

Dal 1987 al 1994 è stato parlamentare alla Camera dei Deputati (Commissione Ambiente e Territorio), dopo essere stato per 7 anni Segretario Nazionale e poi Presidente di Legambiente

 

 

 

 

Potrebbero interessarti anche...

Una risposta

  1. Visione Roma Visione Roma ha detto:

    MICHELE CAMPISI: Trovo attuale un bellissimo brano di Cicerone

    Tu mihi concedas necesse est multo esse indignius in ea civitate quae legibus contineatur discedi ab legibus. Hoc enim vinculum est huius dignitatis qua fruimur in re publica, hoc fundamentum libertatis, hic fons aequitatis; mens et animus et consilium et
    sententia civitatis posita est in legibus. Ut corpora nostra sine mente, sic civitas sine lege suis partibus ut nervis ac sanguine et membris uti non potest. Legum ministri magistratus, legum interpretes iudices, legum denique idcirco omnes servi sumus ut liberi esse possimus

    Concedimi che è necessario che non ci sia nulla di più indegno in una comunità, regolata da leggi, che queste leggi siano violate. Infatti, questo vincolo è di quella dignità che noi utilizziamo nell’agire nell’ambito di uno Stato, questo è il fondamento della libertà, questa la fonte dell’equità; la mente e l’anima e la saggezza ed il corretto agire di una comunità ha sede nelle leggi. Così come il nostro corpo senza la mente non può usare i nervi il sangue e le sue membra, così una comunità senza leggi non può usare le sue parti. Coloro che ricoprono cariche pubbliche devono rispettare le leggi, i giudici devono interpretarle. Insomma, proprio per quanto detto, dobbiamo essere schiavi della legge affinché possiamo essere liberi
    Cic., Pro Cluentio, 146

Lascia un commento