PER UNA AMMINISTRAZIONE “AMICA” I PROFILI ISTITUZIONALI – MASTERCLASS PIERO SANDULLI

18 NOVEMBRE DIRETTA STREAMING

Clikkare su Diretta per accedere allo streaming ed attendere qualche secondo per il collegamento

Diretta

______________________________

PER UNA AMMINISTRAZIONE “AMICA”

I PROFILI ISTITUZIONALI

MASTERCLASS PIERO SANDULLI

 

RAGIONANDO SULL’ASSETTO ISTITUZIONALE DI ROMA CAPITALE

Il ruolo di Roma, capitale d’Italia, ma anche luogo inglobante uno Stato Estero di altissima valenza morale, nonché la città che ospita l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura (FAO), impongono alcune riflessioni di carattere istituzionale e sistematico del ruolo.

Malgrado il riconoscimento nella Costituzione del ruolo di Capitale (art. 114), intervenuto solo nel 2001, con la modifica del titolo V della Carta Costituzionale e la conclamata necessità di regolarne, con legge statale, le prerogative, è necessario ancora fare molta strada per dar corpo, in concreto, al ruolo di capitale della città eterna.

A Costituzione invariata vanno ipotizzate norme (non di carattere assistenzialistico come le attuali), idonee a consentire i poteri speciali che la città deve avere, così come accade per molte altre capitali d’Europa.

Inoltre, va ridisegnato il decentramento urbano, mediante un congruo trasferimento di poteri e risorse dal Comune alle quindici municipalità, alle quali deve essere dato un ruolo concreto nella gestione ordinaria della città e nel controllo del territorio.

 

_______________________________________________________________

 

Prof. Avv. Piero Sandulli

 

Laureato, con lode, in Giurisprudenza nel 1977, presso l’Università di Roma “La Sapienza”.

Titolare della Cattedra di Diritto Processuale Civile e Sportivo nell’Università di Roma “Foro Italico”.Professore invitato di Diritto Processuale Civile presso la Facoltà di Diritto Civile della Pontificia Università Lateranense, nello Stato Vaticano.Docente di Diritto Processuale Civile presso la Scuola delle Professioni legali dell’Università di Roma “La Sapienza” e di Teramo.Docente di diritto processuale civile presso la Scuola forense Vittorio Emanuele Orlando dell’Ordine degli Avvocati di Roma.

Responsabile del settore della Giustizia Sportiva, nel Master di Diritto Sportivo dell’Università “La Sapienza” di Roma, di cui è stato promotore.Responsabile del settore Processo del Lavoro nel Master di Diritto del Lavoro e Previdenza Sociale dell’Università “La Sapienza” di Roma.Avvocato abilitato alla difesa innanzi alle giurisdizioni superiori.

Componente del Nucleo strategico di Valutazione dei dirigenti dell’Agenzia di diritto allo studio universitario della Regione Lazio.Componente del Consiglio giudiziario presso la Corte d’Appello di l’Aquila (2012-2016).Presidente della Corte Sportiva d’Appello della Federcalcio, è giudice sportivo della F.I.G.C. dal 1996. E’ Presidente del Collegio di garanzia della Federnuoto.

Assessore alle Politiche Giuridiche e demografiche del Comune di Roma (1993-1997).  Presidente del Nucleo di valutazione della Provincia di Roma (2003-2013).  Componente delle Commissioni di riforma legislativa presso il Ministero della Funzione Pubblica ed il Ministero di Giustizia.Componente del Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Roma (2001-2004).Presidente di una sezione della censura cinematografica presso il Ministero dei Beni Culturali (2007-2009).

Autore di molteplici pubblicazioni (193), tra cui 7 monografie è tra i fondatori di Visioneroma

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento